Gli speciali
torna alla cantina »
Picolit D.o.c.g.
Vitigno autoctono, coltivato sulle nostre colline da oltre 30 anni. Vino da meditazione, si può accompagnare con formaggi ben stagionati e piccanti. Ottimo con la pasticceria secca

Vino raro, per i grappoli con pochi acini e per la limitata produzione complessiva. Introdotto in Friuli nel ‘700 dal Conte Asquini e dimenticato alla fine del 1800, è stato rivalutato nei Colli orientali verso la metà del secolo scorso. Viene raccolto dalla fine di settembre in poi, appassito per circa 3 mesi in apposite cassette (dette plateaux) e, dopo la pressatura leggera, lasciato maturare in barrique per oltre 15 mesi. Nasce così un vino ampio e complesso, dal colore oro brillante, dolce ma non stucchevole grazie ai sentori di agrumi. Profuma di pesca gialla, miele di acacia e crema pasticcera. Al palato è pienamente corrispondente: si percepiscono anche persistenti note di frutta secca, albicocca e frutta tropicale. Va degustato da solo o accompagnato a dolci con mandorle, preparazioni a base di fois gras e formaggi invecchiati.